★ Vertoiba - santi sloveni ..

                                     

★ Vertoiba

Vertoiba, già Vertoiba in Campi di tutti i Santi è una frazione del comune sloveno di San Pietro-Vertoiba.

La location è situata nella parte occidentale della Valle di Vipava alla periferia sud-est di Gorizia e ad ovest delle colline della Palla per essere Biljenski brda. Esso comprende anche gli agglomerati di Vertoiba sopra Dolnja Vrtojba, V Klanču, Čuklje, Zapučke, e Na Hribu.

Il centro, insieme con allattigua di San Pietro, fu teatro di aspri scontri tra le truppe italiane e austro-ungarico durante la prima guerra mondiale.

                                     

1. Storia. (History)

In età romana, a sud dellattuale abitato, presso ladiacente Palla, passava la strada romana che da Aquileia a led di Emona.

Dopo la caduta dellimpero romano, e il diritto del Regno ostrogoto, come conseguenza della Guerra gotica 553 sponsorizzato da Giustiniano I, il suo territorio entrò a far parte dei domini bizantini. Dopo linvasione, nel 568, attraverso la Valle del Vipacco nellItalia nord dei Longobardi, seguita da popoli slavi, divenne parte del Ducato del Friuli.

Dopo la caduta del regno longobardo e la sua inclusione nei domini di carlo Magno nel 781, entrò nel Regnum Italiae affidato da Carlo suo figlio Pipino, nell803 è stato stabilito come la Marchia Austriae et Italiae, compreso il Friuli, la Carinzia, la Carniola, e listria. Alla morte di Pipino, nell810, il territorio passò a suo figlio Bernardo.

Con la morte di carlo Magno nell814 la carica imperiale passò a Ludovico I, che ne commissionò il Regno ditalia per il suo figlio primogenito Lotario, che già nell828 dopo aver deposto Baldrico per non essere stato in grado di difendere i confini orientali, dagli Slavi diviso la parte orientale del Regno, vale a dire, la marca Orientale, o il Friuli, in quattro contee: Verona, Friuli, Carniola e dellIstria, tra laltopiano Carsico, parte della Carniola interna.

Dopo il Trattato di Verdun, nell843, il suo territorio entrò a far parte del Regnum Italiae nelle mani di Lotario, e, più specificamente, dall846 Marca del Friuli diventato nel 951 Marca di Verona e in Friuli, dopo uniniziale presentazione al Ducato di Baviera dal 952, nel 976 passò al Ducato di Carinzia, che era stata appena costituita dallimperatore ottone II.

Nel 1077 passò al Principato ecclesiastico di Aquileia e poi dei Conti di Gorizia, come advocati del patriarca, che ha acquisito gradualmente gran parte di questi territori, diviso in feudi, i bambini tra loro ministeriale, il vero strumento di governo di un conte.

La prima menzione del borgo nel XIII secolo Toyfa, Toyua o Tojva come possedimento dei Conti di Gorizia.

Nel 1500 il passaggio alla Casa dAsburgo, entrò quindi nella Contea di Gorizia e Gradisca, poi parte, dal 1512, nella Provincia Austriaca del Sacro Romano Impero.

Con il trattato di Schönbrunn nel 1809 a far parte delle Province Illiriche.

Con il Congresso di Vienna nel 1815 tornò a mano austriaca nel Regno dIlliria e diviso in due comunità diverse: Vertoiba Superiore e Vertoiba Inferiore, poi sono andato fino al 1850, il comune di San Pietro, che comprendeva anche Voghersca e Prevacina, passato sotto il profilo amministrativo del Litorale austriaco nel 1849, Vertoiba divenne comune autonomo e nel 1866 incluso: Boccavizza, Vertoiba Top, Vertoiba Inferiore e Voghersca, nel 1886, egli è stato dato il permesso al comune censuario di Voghersca di segregarsi locale comune di Vertoiba e di affermarsi in comune.

Durante la Prima guerra mondiale fu teatro di uno scontro tra le truppe italiane e quelle austro-ungarico, in particolare alla fine della Sesta battaglia dellIsonzo, del Settimo dellOttava il 10 ottobre 1916, le truppe della 12 ° Divisione italiana simpadronirono quota 95 / Na Pristavi po più a sud, lampliamento del triangolo della ferrovia nelle vicinanze di San Pietro, mentre quelli del 11°, hanno raggiunto il crinale della Sobrietà, della Ix, il 1 ° novembre 1916, Le truppe italiane del XXVI Corpo darmata e dellVIII riuscirono ad occupare rispettivamente laltura di porzione 171 di San Marco e quella di 123 nord di Sobrio, dopo un paio di giorni, però, immediatamente evacuato nellinutile tentativo italiano di occupare la parte superiore 227 del Monte San Marco. Tra il novembre del 1916 e maggio 1917, gli ingegneri degli austro-ungarici, attraverso il miglioramento della loro struttura difensiva, sono stati in grado di creare un fascio di linee che, una volta caduto dal San Marco, aperto a ventaglio in una serie di compartimenti radicata raccolta e il pallino attraverso una quota del 95 / Na Pristavi, quota 102 109 le alture della Sobrio altitudine di 95 est / Sobria La, quota 95 ovest, altitudine di 121 123 nord, 106, 86, quota 103 Golognacco, porzione 86 e porzione 88) che lo hanno bloccato, quindi ogni velleità dellattacco italiano in seguito Decima e lUndicesima battaglia dellIsonzo.

Dopo la prima guerra mondiale fu annessa al Regno dItalia e fu unita alla Provincia di Gorizia, con il nome di Vertòiba nei Campi Santi ricordare lelevato numero di tombe 7500 che ci sono tra questa città e i dintorni di San Pietro. A seguito dellabolizione della stessa nel 1923, passò alla provincia del Friuli come una città indipendente, che comprendeva Boccavizza. Nel 1927 passò alla ricostituita provincia di Gorizia, e lanno successivo, e fu aggregato al comune di Gorizia.

È stato sottoposto larea doperazioni sulla Costa adriatica OZAK, tra il settembre 1943 e il maggio 1945, e dal giugno 1945 al 1947, essendo ovest linea di Morgan, ha fatto parte della Zona A della Venezia Giulia sotto il controllo britannico-americano del Governo Militare Alleato, AMG, è andato alla Jugoslavia e quindi alla Slovenia.

                                     

2. Le vette principali. (The main peaks)

Le altezze della Sobrio Šober: quota 123 nord, 121 m, altezza 98 west, 98 m, altezza 98 est, 98 m, altezza 123 sud, 123 m, altezza 133, 134 m, 106 metri, quota 86 altezza 103 / Collina Golognacco Golobnjak, quota 102 Bukovnik, 102 m, altezza 97 / Collina Boccavizza Martinjak, di 97 metri.

Anche gli utenti hanno cercato:

vertoiba, santi sloveni. vertoiba,

Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →