★ Biblioteca di Studio Uno - conduttori televisivi polacchi ..

                                     

★ Biblioteca di Studio Uno

Biblioteca di Studio Uno è stata una serie televisiva antologica trasmesso sul Programma Nazionale della Rai, in otto puntate, con una durata di circa sessanta / ottanta minuti, tra il 15 febbraio e il 18 aprile 1964.

                                     

1. Uno Spin-off di Uno Studio. (A Spin-off of A Study)

Il programma, girato in bianco e nero, con le coreografie di Gino Landi primi ballerini Paolo Gozlino e Elena Sedlak, era una sorta di spin off del varietà del sabato sera Studio Uno e, come quello, era in programma la sera, negli anni sessanta, era tradizionalmente dedicato dallallora Programma Nazionale allintrattenimento luce.

I protagonisti della trasmissione - a metà strada tra la varietà, infatti, loperetta e serie tv - erano membri del Quartetto Cetra, che erano fianco a fianco, di volta in volta, dai famosi attori di teatro e cinema impegnato nella parodia del noto opere di letteratura, molti dei quali oggetto, riduzioni sceneggiato televisivo. Tra gli artisti fisso, cera star di hollywood, come Grazia Maria Spina nel ruolo di dicitrice che hanno aperto e chiuso ad ogni trasmissione.

Gli autori dei testi sono stati la stessa come Studio Uno - Antonello falqui, che si è preso cura del direttore, Guido Sacerdote, Dino Verde - side-by-side dallo stesso Quartetto Cetra, la direzione musicale è stata affidata al maestro Bruno Canfora.

E incluso anche un episodio con una parodia di I promessi sposi, che non era fatto per il veto della Rai, che non volevo danneggiare il dramma che Sandro Bolchi stava facendo in quel periodo, solo nel 1985 con lArpa, avrebbero portato a termine, con la regia di Antonello falqui, la parodia - sempre con il titolo i promessi sposi - trasmessa allinterno del programma Per il Paradiso.

                                     

2. La varietà, la versione del film. (The variety, the version of the film)

Questo è in accordo con i rapporti che l Enciclopedia della televisione - il primo esperimento di "rivista versione del kolossal" la televisione italiana. Mammut è stato, infatti, luso di strutture e attori, panoramico interno di Studio 1 di via Teulada, Roma: uno cento e sessanta tra attori e cantanti, oltre a mille e cinquecento extra, e quattrocento canzoni appositamente adattato per necessità, nel testo della funzione nello schizzo che sono stati lossatura del programma. Gli adattamenti sono stati caratterizzati da una perfetta osservanza della metrica le soluzioni più fantasiose: per esempio, ricorda di Nilla Pizzi, che interpreta la Regina Anna nella parodia di "i Tre moschettieri" cantato "io Sono qui - trattengo il fiato - e piango sulla federa." invece "io Sono qui tra le tue braccia amore - aggrappato come ledera" dalla nota canzone Ledera, portata al successo da destra il Pizzo.

Analoga procedura sarà adottata da altri artisti della televisione, come il Trio, Massimo Lopez, Tullio Solenghi, Anna Marchesini in versione riveduta e corretta del manzoni I promessi sposi e Marco Columbro e Lorella Cuccarini per un segmento di edizioni di Buona domenica da loro condotte, in onda tra il 1991 e il 1993.

                                     

3. Le parodie. (The parodies)

Questi sono i titoli delle parodie portato sul piccolo schermo, e la composizione del cast Grazia Maria Spina appare in tutti gli episodi nel ruolo di dicitrice:

Anche gli utenti hanno cercato:

biblioteca di studio uno, conduttori televisivi polacchi. biblioteca di studio uno,

Dizionario

Traduzione