★ Il Foglio, quotidiano - imprenditori sloveni ..

                                     

★ Il Foglio (quotidiano)

Il Foglio Quotidiano, meglio conosciuta come La Carta, è un quotidiano fondato il 30 gennaio 1996 da Giuliano Ferrara, che è stato poi dato che il primo numero, e per diciannove anni – tranne per un breve periodo tra il 1996 e il 1997 – il direttore responsabile. Dal 28 gennaio, 2015 diretto da Claudio Cerasa.

                                     

1. Descrizione. (Description)

Il giornale prende il nome dalla sua veste editoriale: si presenta in un unico foglio, formato del foglio. Allinterno del foglio cè un inserto, di solito in quattro pagine, con in profondità. Pagine dellinserto sono indicate con numeri romani, mentre quelle del giornale, colpito in numeri arabi.

Sabato appare Edizione weekend vicino il momento della giornata. Linserto può arrivare a 16 pagine, contenente libri e riviste nella letteratura e nel cinema. Edizione di lunedì, è preparato nei giorni precedenti, è impaginato in maniera diversa e gli articoli sono stampati in un corpo più grande. Il numero contiene principalmente le opinioni e i commenti. In prima pagina viene visualizzato un saggio, pagina 3 è il titolo di Un Foglio di internazionale, e contiene i rapporti della stampa estera.

                                     

2. Storia. (History)

Il primo numero del giornale è stato pubblicato a Milano il 30 gennaio 1996. È stato inizialmente pubblicato cinque giorni alla settimana, dal martedì al sabato, è stato presentato con una foliazione di quattro pagine e unimpaginazione denso su sei colonne. Non è apparsa la foto, ma solo ritratti e vignette firmate da Vicino. Presentato come un diario di studio, ad una seconda lettura della notizia del giorno.

In apertura di prima pagina cera una rubrica, Il Giorno in cui sono stati riassunti gli eventi del giorno. A pagina tre, con editoriali, colonne nella parte sinistra. Il giornale era fatta per lo più di articoli di approfondimento sullattualità e della politica italiana e internazionale. Il giornale stava esprimendo un conservatore in politica e liberista in economia.

Tutti gli articoli sono rigorosamente anonima, fatta eccezione per le rubriche personali pubblicati su base giornaliera: Nove colonne di Pierluigi Battista, Vite parallele di Sandro Fusina, Andreas Versione di Andrea Marcenaro, Alta società, Carlo Rossella, una Piccola posta di Adriano Sofri, Il riempitivo di Pietrangelo Buttafuoco. Sono riconoscibili anche per gli articoli del direttore, segnata in fondo con il simbolo dellelefantino. Dal settembre 1996, e fino al 2009, firmato da Mauro della Porta Raffo, è apparso nella rubrica settimanale Pignolerie. Sette mesi dopo la fondazione, è stato lanciato nelledizione di lunedì, accompagnato da una testata autonoma, Il Foglio di Carta e una numerazione indipendente. Il fascicolo è redatto da Giorgio DellArti, che esegue lordinamento degli articoli sulla stampa nazionale e internazionale la scorsa settimana.

Già, dopo solo un anno di vita, il peso delledizione romana è in aumento, a scapito di Milano. Dall11 settembre 1997, il giornale è chiuso nella capitale, mentre il Milan rimane la sede sociale e lamministrazione.

Nonostante la sua vicinanza al centro-destra, La Carta è stata a volte in contrasto con le posizioni della sua area politica di riferimento, tanto che il direttore artistico ha sostenuto, nel 1999, la candidatura di Massimo DAlema, con il quale ha condiviso molti anni di esperienza nel PCI, alla Presidenza della Repubblica.

Nel 2000, ha lanciato ledizione di domenica: Il Foglio è ora in edicola ogni giorno della settimana. Edizione a cura di Sandro Fusina, non si incontrano, tuttavia, il favore del pubblico, e si è chiusa con il numero del 28 dicembre 2004.

Prima delle elezioni politiche del 2006 è stato fatto un censimento nel giornale per scoprire quali sono stati i partiti di riferimento della redazione: il risultato è stato cross-Forza Italia, la Rosa nel Pugno e Rifondazione Comunista sono stati i più votati.

Nel 2007, Giuliano Ferrara, ha condotto una battaglia per bloccare dalle pagine del suo giornale, poi atterrò nella creazione di una propria lista alle elezioni politiche del 2008.

Allinizio di febbraio 2014 lUNICEF la pubblicazione di un report sul pericolo della pedofilia nel clero, che contiene la richiesta che la Chiesa cattolica rivedere la propria dottrina in materia di omosessualità e il matrimonio gay. L11 febbraio Il Foglio si diffonde in una lettera-appello a papa Francesco che non dare in "il ricatto è sempre una forte avant-garde fanatizzate del mondo secolarizzato".

Il 27 gennaio 2015, dopo 19 anni, Giuliano Ferrara lascia la direzione del giornale, rimanendo, tuttavia, un giornalista, e fu sostituito da Claudio Cerasa.

                                     

3. La campagna contro il blocco. (The campaign against the block)

Il 18 dicembre 2007, Giuliano Ferrara, ha lanciato il suo programma tv Otto e mezzo, la proposta di una campagna per una moratoria sul blocco. Il giorno dopo ha scritto un editoriale su il foglio, in cui ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a fare questa proposta:

                                     

4. Il finanziamento pubblico. (The public funding)

Dal 1997 La Carta è lorgano della "Convenzione per la Giustizia", il movimento politico fondato da membri del parlamento, Marcello Pera, il Popolo della libertà e Marco Boato Verde. In questo modo, possono beneficiare del finanziamento pubblico ai giornali di partito, come richiesto dalla Legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di Nuove norme sulleditoria e sui prodotti editoriali e modifiche alla legge 5 agosto 1981, n. 416.

A questo proposito, Giuliano Ferrara, ha detto:

                                     

5. Modifiche dellassetto proprietario. (Changes dellassetto owner)

  • 2006 - Secondo una dichiarazione da Giuliano Ferrara effettuata la trasmissione televisiva Report del 23 aprile, La finanza giornale, firmato da Bernardo iovene si, il direttore dichiara che le azioni della "Carta Edizioni" sono come segue: Veronica Lario ha 38%, Sergio Zuncheddu ha il 20 o 25%, Denis Verdini ha il 15% di Giuliano Ferrara, Il 10%, Luca Colasanto stampante per il restante 10%.
  • Dicembre 2016 – le Muse Comunicazione raggiunge il 100% di Edizioni cartacee.
  • 2001 - continuare A beneficiare di contributi statali per leditoria dopo le modifiche introdotte alla legge di riferimento, la direzione del giornale è stata affidata ad una cooperativa creata ad hoc, il presidente è Giuseppe Spinelli.
  • Luglio 2011 - Dopo una ricapitalizzazione, si è resa necessaria per coprire le perdite di reddito operativo, il nuovo assetto societario è il seguente: "Paolo Berlusconi Finanziaria" ha il 38% di rileva unità nelle mani di Veronica Lario, Sergio Zuncheddu, attraverso la "Unione Editoriale Sarda", e Diana Zaccheddu sono rispettivamente il 27%, 15% e il 12%, Denis Verdini ha il 15% di Giuliano Ferrara, il 10%.
  • 1996 - Il giornale è edito dalla società editrice "Il foglio Quotidiano Srl", le cui quote sono suddivise tra il finanziere Sergio Zuncheddu 40%, Veronica Lario, seconda moglie di Silvio Berlusconi il 30% di Giuliano Ferrara, il 10%, la stampante Luca Colasanto 4%, mentre il restante 16% è polverizzato tra gli altri imprenditori.
  • Novembre 2015 - un aumento di capitale di 3 milioni di euro che la società di Edizioni cartacee, il titolare della testata di Foglio, il Quotidiano, è stato firmato dai due nuovi soci, il "Gruppo Sorgente" Valter Mainetti, attraverso la società editoriale del gruppo, Muse Comunicazione, e il fondo dinvestimenti Sator di Matteo Arpe. Le dimensioni dei due gruppi, pari rispettivamente al 65% e 32.48%. Le dimensioni del terzo azionista, Denis Verdini, sono sottoposti a sequestro giudiziario, sono diluito al 2.52%.
  • 1997 - La società è capitalizzati per far fronte alla perdita dellesercizio. Il nuovo membro è più importante è Denis Verdini, esponente di Forza Italia, che consente di rilevare parte delle azioni di Zuncheddu, Veronica Lario, in aumento del 38% diventando lazionista di maggioranza.
  • Aprile 2016 - Sator cedere interamente la propria partecipazione Muse Comunicazione dimpresa, la pubblicazione del suddetto "Gruppo Sorgente", che di sale, così 97.48% del capitale sociale della società, le Edizioni cartacee. Denis Verdini mantiene il suo 2.52%.


                                     

6. Amministrazione. (Administration)

  • Giuliano Ferrara, 30 gennaio 1996 al 27 novembre 1996.
  • Giuliano Ferrara, 26 Settembre 1997 - Gennaio 27, 2015.
  • Claudio Cerasa, 28 gennaio 2015 in ufficio.
  • Giuliano Ferrara, Lodovico Festa, 28 Novembre 1996 - 25 Settembre 1997.
                                     

7. Sito Web. (Web Site)

Il documento è stato uno dei primi quotidiani italiani completamente accessibile in Internet.

Il titolo "Essi", deriva dal soprannome dato ai lettori del giornale che, con un gioco di parole, trae il nome il gruppo rivoluzionario francese tendenze moderate.

                                     

8. Redazione. (The editorial)

Per i primi 19 anni della sua vita, il direttore del foglio è sempre stato Giuliano Ferrara, tranne quando il giornalista romano ha assunto la direzione del settimanale Panorama, il 28 novembre 1996-25 settembre 1997. Durante questo periodo, Ferrara ha mantenuto la direzione editoriale del Foglio di carta, delegando le funzioni di direttore responsabile per lassistente di Lodovico Festa.

Oggi la redazione della Carta si compone di:

Anche gli utenti hanno cercato:

il foglio (quotidiano), imprenditori sloveni. il foglio (quotidiano),

Free and no ads
no need to download or install

Pino - logical board game which is based on tactics and strategy. In general this is a remix of chess, checkers and corners. The game develops imagination, concentration, teaches how to solve tasks, plan their own actions and of course to think logically. It does not matter how much pieces you have, the main thing is how they are placement!

online intellectual game →