ⓘ BMW E3. Di questa famiglia di vetture fanno parte i modelli 2500 e 2800, nonché i modelli 3.0 S 3.0Si e 3.3, lanciati in un secondo momento. Assieme alle coupé ..

                                     

ⓘ BMW E3

English version: BMW New Six

Di questa famiglia di vetture fanno parte i modelli 2500 e 2800, nonché i modelli 3.0 S 3.0Si e 3.3, lanciati in un secondo momento.

Assieme alle coupé della famiglia E9, con le quali condividono parte del pianale e la meccanica, le E3 vanno a costituire una famiglia più grande, denominata New Six, poiché montavano entrambe una nuova generazione di propulsori a 6 cilindri.

                                     

1. La genesi

Passata la crisi finanziaria, grazie al successo di modelli come la Neue Klasse e la Serie 02, la Casa di Monaco di Baviera decise di tornare nel settore delle berline dalta gamma, da cui mancava dalla fine degli anni cinquanta. Squadra che vince non si cambia, così la definizione della linea venne affidata a Giovanni Michelotti già autore di Neue Klasse e Serie 02 e limpostazione meccanica rimase quella tipica delle BMW più recenti: trazione posteriore, sospensioni a ruote indipendenti sia davanti che dietro, freni a disco su tutte le ruote, sterzo a circolazione di sfere, cambio manuale a 4 marce o automatico a 3. Ebbe inizio così il progetto E3.

Il motore era un nuovo 6 cilindri in linea monoalbero in testa, capostipite della famiglia di motori nota come M30, che sarebbe diventata un classico della produzione BMW fino agli anni novanta.

Al momento della presentazione 1968, la E3, una classica berlina a tre volumi e 4 porte dallimpostazione sportiveggiante, era disponibile nelle versioni 2500 2494cm³, 150cv e 2800 2778 cm³, 170cv. Entrambe erano alimentate da 2 carburatori doppiocorpo.

                                     

2. Levoluzione

Nel 1969, basandosi sulla 2800, Bertone realizzò la concept car "Spicup". Presentata al salone automobilistico di Ginevra, traeva il nome dalla combinazione del nome Spider con il termine Coupé, in quanto la vettura era dotata di un tettuccio composto da due pannelli scorrevoli a comando elettrico. Il design sportivo era ispirato a quello della Alfa Romeo Montreal.

Nel 1972, in occasione di un lievissimo restyling mascherina nera opaca anziché cromata, luci posteriori ridisegnate e nuovo profilo cromato lungo la "linea di cintura", la 2500 e 2800 vennero affiancate dalle 3.0 S e 3.0 Si. Entrambe avevano una cilindrata maggiorata a 2986 cm³, ma, mentre la prima manteneva lalimentazione a carburatori 180cv, la seconda aveva un nuovo impianto di iniezione elettronica bosch D-jetronic 200cv. Nel 1973 venne presentata la versione "top di gamma" 3.3 L, con passo allungato di 10cm, cambio automatico o manuale a 4 marce a richiesta, tetto elettrico, dotazione arricchita aria condizionata e motore a carburatori portato a 3295 cm³ 190cv.

Alla fine del 1974, accanto ad alcuni ritocchi agli interni per tutte le versioni, vennero lanciate tre nuove varianti a passo lungo: la 2.8 L ritorno del motore di 2778 cm³ da 170cv, la 3.0 L 2986 cm³ a carburatori da 180cv e la 3.3 Li 3295 cm³ con alimentazione a iniezione elettronica bosch L-jetronic da 197cv. Nel 1975 anche la 3.0 Si adottò liniezione elettronica bosch L-jetronic in luogo della precedente D-Jetronic, con perdita di 5 cavalli e prestazioni leggermente inferiori.

Nel 1977 tutte le E3 uscirono di listino, rimpiazzate dalla Serie 7 E23

                                     

3. Le E3 negli USA

Prima del 1974, quando entrarono in vigore nuove normative che imponevano ladozione di paraurti in grado di assorbire urti fino a 8 km/h e di efficaci dispositivi antinquinamento, le E3 vendute sul mercato USA, altro non erano che delle 2500 e 2800 equipaggiate con tutto ciò che in Europa era optional. per aumentare le vendite venne affiancata la versione denominata Bavaria, con allestimento e accessori ridotti, per aumentare le vendite. Dal 74, invece, la Casa di Monaco, come tutti i costruttori, realizzò una versione specifica per il mercato Usa dotata di paraurti ad assorbimento, motore a iniezione con dispositivi antinquinamento reattore termico e equipaggiamento ricco: la 3.0 Si. Per rispettare le norme il motore erogava solo 176cv e non venne mai prodotta, per questa particolare versione ad iniezione, la versione bavaria.

                                     
  • 3.0 CS, 3.0 CSi, 3.0 CSL e 3.0 CSLi. Assieme alle berline della serie E3 le BMW E9 costituiscono una famiglia più grande denominata ma non in via ufficiale
  • La M 3 è una serie di autovetture prodotte dalla BMW dal 1986: con questa sigla viene identificata la versione sportiva della Serie 3 A metà degli anni
  • La BMW Serie 3 è la denominazione assunta da una serie di berline di segmento D, prodotte dalla casa automobilistica tedesca BMW fin dal 1975 e a cui
  • La BMW 3 15 è un autovettura di fascia medio - bassa prodotta dal 1929 al 1932 dalla casa automobilistica tedesca BMW nonché la prima vettura della storia
  • La Z 3 è una vettura sportiva a due posti prodotta dalla Casa automobilistica tedesca BMW dal 1995 al 2002. È stata proposta sia come roadster sia come
  • Disambiguazione Se stai cercando altri significati, vedi BMW disambigua La BMW sigla di Bayerische Motoren Werke, traducibile in italiano come fabbrica
  • La sigla BMW F30 identifica la sesta generazione della Serie 3 un autovettura berlina di segmento D prodotta dal 2012 al 2019 dalla casa automobilistica
  • casa automobilistica bavarese le apprezzate E3 andando a porsi un gradino più in alto rispetto alla BMW Serie 5, allora in listino già da 5 anni. Analogamente
  • La BMW X 3 Cross Country è una autovettura da corsa a trazione integrale realizzata dal team X - raid secondo le norme FIA di Gruppo T1 veicoli fuoristrada
  • La sigla BMW E90 identifica la quinta generazione della Serie 3 un autovettura berlina di fascia medio - alta prodotta dal 2005 al 2013 dalla casa automobilistica

Dizionario

Traduzione